San Gallo: l’eremo dell’homo viator “in un viaggio verso l’eternità”

Sulla cima del colle San Gallo è situata la chiesa risalente al 1354, che prende il nome dal colle stesso.

La tradizione vuole che, un certo frate Egidio di Lombardia abbia eretto nel 1430, sulle rovine di un castello, il romitaggio di San Gallo. In passato il romitaggio era meta di quanti andavano a “cior la son”, vi si recavano per ricevere la benedizione per coloro che soffrivano d’insonnia.

L’intitolazione al santo Abate Gallo, raffigurato in un affresco posto sull’ altare maggiore risalente al 1422, venne in ricordo dei primi anni di vita religiosa trascorsi dal frate nell’omonima abbazia in Svizzera.

 

Precedente I Palù Successivo San Pietro di Feletto: “Felix-icis”