Pìndol Pàndol

Pindòl Pàndol, conosciuto anche come “ Lippa”, “Mazzapicchio”, “Pirol Parol” o “Piroleta”, si giocava con una piccola mazza di legno, il più possibile rettilinea e cilindrica, del diametro di non più di 3 cm. e lunghezza compresa tra 50 e 60 cm che  prendeva il nome di Pàndol e un tronchetto di legno chiamato Pìndol, dello stesso diametro del precedente, lungo circa 15 cm., suddiviso in tre parti pressappoco uguali, di cui le due estremità erano modellate a punta conica. Quest’ ultimo doveva avere le sommità appuntite. Questi due pezzi di legno erano generalmente ricavati dai manici di una scopa .Il numero di concorrenti era variabile.

Vi erano diverse versioni del gioco con dei relativi scopi. Alcune prevedevano che i giocatori  battendo con il bastone più lungo la punta di quello più corto quest’ultimo venisse prima proiettato in aria e poi colpito per essere mandato il più lontano possibile, secondo altre versioni si doveva   o centrare un bersaglio precedentemente concordato oppure far entrare il Pìndol dentro ad una cesta   posizionata al traguardo.

Il vincitore era colui che lanciava più lontano il Pìndol, colpiva per primo il bersaglio prestabilito oppure che faceva entrare il Pìrol dentro alla cesta.

Precedente I quattro canton Successivo Morti e bottoni